I migliori tritatutto

Scegliere il tritatutto migliore è importante

Chi ha a che fare con la cucina, perchè ama stare fra i fornelli o per necessità, sa bene quanto sia pratico un tritatutto. Quando si deve preparare un sugo e non si ha tempo per sminuzzare gli ingredienti per il soffritto, quindi un qualcosa di banale, fino allo sminuzzamento delle verdure per il minestrone, del formaggio o anche della carne e nel caso dei più potenti della frutta secca per fare magari dei dolci.

Il tritatutto è uno di quei piccoli elettrodomestici che sono nostri alleati in cucina in quanto ci fanno principalmente risparmiare tempo e fatica.

Attenzione però: non sono tutti uguali anche se apparentemente lo sembrano e visto che occorre spendere è meglio acquistare il tritatutto migliore.

In questa piccola guida proverò ad illustrarti come si individua il migliore tritatutto, quali solo le caratteristiche che lo rendono migliore,  e quali sono le marche verso cui orientarsi.

Come scegliere il miglior tritatutto

Indubbiamente dobbiamo farci guidare dalle nostre necessità che siano finanziarie (anche se i costi dei tritatutto non sono mai eccessivi) o pratiche.

Per scegliere il miglior tritatutto vi suggeriamo di affidarvi alle recensioni che v’illustrano nei dettagli il funzionamento e le caratteristiche. Quando andrete a scegliere il vostro tritatutto tenete a mente i suggerimenti che stiamo per darvi, non lanciatevi sul primo prodotto che vedete, su quello in saldo o su quello che v’indica il commesso potrebbero non fare al caso vostro. Ricordatevi essenzialmente che un tritatutto deve assolvere principalmente la sua funzionare di tritare e non di frullare, omogenizzare o creare salse (anche se alcuni lo fanno).

Caratteristiche del migliore tritatutto

Il migliore tritatutto ha delle caratteristiche che lo rendono tale, vediamo quali.

  • Potenza: se non mangiamo quasi mai verdure la funzione si riduce alquanto, per cui potrebbe bastare un tritatutto con minori funzioni, o addirittura un tritatutto con funzioni base, se invece consumiamo molta frutta secca o caffè, ed acquistiamo quello in chicchi allora ci servirà un tritatutto molto potente.
  • Ingrombro: se abbiamo poco spazio prediligeremo un modello con un filo lungo e poco ingombrante mentre se viviamo con una numerosa famiglia ce ne servirà uno di dimensioni non proprio contenute.
  • Design: il tritatutto deve essere pratico, dunque non deve essere ingombrante, deve avere un cavo abbastanza lungo in caso lo si debba spostare, deve essere solido con piedini o base in gomma antiscivolo che gli conferiscano stabilità e deve avere un rivestimento robusto perchè si sa che in cucina è un attimo far volare tutto in terra (lo sanno bene quelli che cucinano in spazi ristretti) quindi preferibilmente dovrebbe essere in acciaio.
  • Le lame: la parte fondamentale per scegliere il miglior tritatutto sono per l’appunto le lame che devono essere rigorosamente affilate, robuste ed in acciaio.
    Tenete conto che più potenti sono le lame più è facile anche frullare e dunque creare salse e creme e ciò è un pregio per il tritatutto oltre che un vantaggio per voi.
  • La capienza: chiaramente il miglio tritatutto è quello che risulta funzionale, pratico ma soprattutto capiente. In base alla capienza valutiamo il wattaggio, un 300 watt per circa 200 grammi di solido è un buona opzione. Quindi la potenza non è tanto indice di qualità (come invece accade nel caso delle friggitrici).
  • Funzionalità: il migliore tritatutto garantisce un’estrema precisione sminuzzando tutto alla perfezione e come abbiamo visto è in grado di macinare, frullare, creare pappe, salse, e passati di verdure (il tutto relazionato alla capienza ovviamente). Perciò prima dell’acquisto sarebbe bene poter dare una scorsa a ciò che vi può essere introdotto e ciò che non vi può essere introdotto, così riuscirete a farvi un’idea delle prestazioni che l’apparecchio che avete davanti è in grado di fornirvi.

Le marche dei migliori tritatutto

Di tritatutto in commercio ce ne sono molti, delle più diverse marche, ci possono sembrare tutti uguali ma ogni marca aggiunge o no alcuni “dettagli” che fanno la differenza. Fra le marche di migliori tritatutto che vi sentiamo di consigliarvi ci sono: Moulinex, Kenwood, Girmi, Braun, Philips e Severin.

Il migliore tritatutto

Il miglior tritatutto qualità/prezzo

Il migliore robot da cucina

Il miglior multifunzione

Commenti (6)

  • Sara

    |

    Ciao, sto cercando un tritatutto per uso quotidiano, vorrei poterci tritare dal battuto per il sugo al Parmigiano Reggiano. Mi piacerebbe averne uno che fosse duraturo nel tempo e dalle buone prestazioni, ma non saprei da che parte iniziare per scegliere. Avete qualche dritta da darmi? Grazie in anticipo

    Rispondi

    • admin

      |

      Ciao Sara,
      un tritatutto ottimo, potente e dal prezzo davvero imbattibile è il Kenwood Ch580 Quadblade: potenza da 450 W, 4 lame e lavabile in lavastoviglie!

      Rispondi

  • Guido

    |

    Ciao vorrei regalare a mia madre un robot da cucina che sia in grado di fare tutto, quale mi consigliate di scegliere? Grazie

    Rispondi

    • admin

      |

      Ciao Guido,
      dai un’occhiata al Kenwood FP925, oltre a tritare riesce anche a impastare, è molto completo ed estremamente performante.

      Rispondi

  • Paola

    |

    Che tritatutto mi consigliate per preparare omogenizzati? Il preparato deve essere del tutto cremoso. Grazie!

    Rispondi

    • admin

      |

      Ciao Paola!
      Il Philips AVENT SCF870/20 è un prodotto che ti consigliamo di valutare, essendo pensato appositamente per preparare omogenizzati di carne, verdura e pesce. Cuoce a vapore, frulla, mixa e omogenizza molto bene, creando delle pappe della stessa consistenza di quelle che puoi acquistare al supermercato!

      Rispondi

Lascia un commento